Muore a 102 anni e lascia tutto alla Guardia di Finanza. Il Tirreno – Massa Carrara

06 dicembre 2015

Carrara, gratitudine e stima per le Fiamme Gialle. Ha voluto che fossero loro a organizzarle il funerale. E ha donato una casa e una cospicua somma di denaro.

CARRARA. Muore a 102 anni e lascia tutto alla Guardia di Finanza: una casa e una cospicua somma di denaro. Un notaio del capoluogo apuano, nel tardo pomeriggio di giovedì 3 ha bussato alle porte della Guardia di Finanza di via Vincenzo Giudice a Massa e ha chiesto di incontrare il comandante provinciale.

Il Colonnello Giovanni Fiumara, quando ha sentito le motivazioni della visita dapprima ha fatto fatica a crederci: un’anziana di 102 anni, Adriana Carassali, era morta il giorno precedente e aveva destinato tutti i suoi beni al corpo della Guardia di Finanza. La signora aveva sottoscritto un testamento nella pienezza delle sue facoltà mentali, davanti al notaio e alla presenza di testimoni, in cui lasciava ogni suo avere alla Guardia di Finanza.

Il Comandante ha subito pensato che si trattasse di una vedova o di una persona che avesse una sorta di parentela con qualche finanziere. Il notaio ha invece spiegato che l’anziana non aveva nulla a che fare con il corpo della Guardia di Finanza e che il suo gesto era dovuto solo alla stima e alla gratitudine verso l’istituzione. La signora Carassali in vita aveva avuto modo di esternare al professionista parole di plauso sull’attività svolta dalla Guardia di Finanza, facendo trapelare dalle sue esternazioni una convinta stima per il corpo. Così alla sua morte ha lasciato alla Guardia di Finanza un casa a Carrara e una cospicua somma accreditata su di un conto corrente a lei intestato. In cambio ha chiesto solo l’organizzazione del proprio funerale.

Pertanto la Guardia di Finanza di Massa Carrara ha dato seguito alle volontà della signora e organizzato il suo funerale con la massima cura: la vestizione della salma, l’affissione dei manifesti funerari, i fiori e come ulteriore segno di riconoscimento ha previsto la partecipazione di una nutrita rappresentanza di appartenenti in servizio e dei componenti della Associazione nazionale finanzieri in Congedo, Sezione di Massa. Le esequie, che si sono svolte nel pomeriggio di sabato 5 alla chiesa di San Pietro in Carrara – Avenza, sono state officiate dal parroco Don Marino e dal cappellano militare del Comando regionale Toscana, don Massimo Ammazzini. Al termine delle esequie, il corteo funebre è stato scortato sino al cimitero del Mirteto da un’auto ufficiale. Il lascito della signora sarà usato per i compiti istituzionali della GdF.