IL CO.CE.R. DELLA GUARDIA DI FINANZA INCONTRA LO STATO MAGGIORE DEL COMANDO GENERALE

Nel tardo pomeriggio di ieri si è svolto l’incontro del Co.Ce.R. Guardia di Finanza con lo Stato Maggiore del Comando Generale, incontro richiesto con delibera n.01/06/XII del 05 settembre 2018 al fine di:

  • conoscere in che fase si trovi la procedura di aggiornamento dei dati giuridici, retributivi e contributivi del personale della Guardia di Finanza sulla piattaforma dell’I.N.P.S., considerato l’approssimarsi del termine fissato per la regolarizzazione degli estratti contributivi (31 dicembre 2018), anche alla luce dell’onere a carico dell’Amministrazione per i flussi trasmessi dal 1° gennaio 2019, così come precisato dalla circolare dell’Istituto richiamata in premessa;
  • aggiornare il Consiglio sugli esiti dei contatti avviati con l’I.N.P.S. in merito alla individuazione di una Direzione Provinciale del predetto Istituto quale polo unico pensionistico dedicato agli appartenenti alla Guardia di Finanza;
  • acquisire informazioni circa l’orientamento del citato Istituto sulla determinazione del quantum pensionistico per il personale della Guardia di Finanza arruolato negli anni 1981/1983, anche a seguito delle svariate sentenze emesse dalle sezioni giurisdizionali regionali della Corte dei Conti su specifici ricorsi presentati da personale militare.

In merito, lo Stato Maggiore ha inteso rassicurare il Consiglio sulle iniziative già intraprese e su quelle messe in campo al fine di risolvere le problematiche evidenziate, rappresentando, in particolare, che:

  • tutti i contributi del personale del Corpo sono stati regolarmente versati;
  • le lacune presenti sugli estratti contributivi del personale del Corpo, derivanti dalle procedure di migrazione dei dati dall’I.N.P.D,A.P. all’I.N.P.S., sono in fase di risoluzione grazie alla costante collaborazione instaurata tra l’Istituto ed il Centro Informatico Amministrativo Nazionale della Guardia di Finanza;
  • è in fase di completamento quindi il “cassetto contributivo” che permetterà al personale del Corpo di verificare la propria posizione contributiva, soprattutto per coloro che sono prossimi al collocamento in congedo;
  • massima attenzione viene posta dal C.I.A.N. alle posizioni contributive di coloro che sono prossimi al congedo, attraverso la verifica della completezza dei dati del proprio “cassetto contributivo”, prima della determinazione del trattamento pensionistico da parte dell’I.N.P.S.;
  • sono state avviate iniziative organizzative per rendere disponibili a tutto il personale sul sito del C.I.A.N. i ruolini paga (cedolini), quantomeno dal momento della loro meccanizzazione;
  • sono state anche intraprese iniziative per migliorare le interazioni con il sistema NOIPA;
  • la richiesta di costituire un “polo unico” I.N.P.S. per il personale del Corpo è stata accolta da parte dell’Istituto, con l’individuazione della Direzione Regionale Lazio che rappresenterà la struttura di riferimento per la Guardia di Finanza. Il progetto è in fase avanzata e l’auspicio è che si possa definire il tutto quanto prima;
  • il C.I.A.N. sta seguendo con attenzione l’evolversi del contenzioso in atto per quanto riguarda la determinazione del quantum pensionistico per il personale della Guardia di Finanza arruolato negli anni 1981/1983 e si è in attesa di conoscere gli esiti dell’appello proposto dall’I.N.P.S. avverso le sentenze delle sezioni giurisdizionali regionali della Corte dei Conti con le quali sono stati accolti svariati ricorsi presentati sullo specifico tema.

Nel Corso dell’incontro, il Consiglio ha quindi richiesto allo Stato Maggiore di porre la massima attenzione sulle problematiche evidenziate con la menzionata delibera n.01/06/XII del 05 settembre 2018 e sui tempi di definizione dei procedimenti amministrativi relativi alle istanze di collocamento in congedo del personale del Corpo, al fine di assicurare che il passaggio dal trattamento stipendiale a quello pensionistico avvenga senza soluzione di continuità.

E’ stato poi anche richiesto di programmare una campagna di comunicazione diretta al personale del Corpo al fine di informarlo sulle iniziative intraprese, trattandosi di tematiche di prioritaria importanza.

I delegati Cocer Eliseo Taverna, Alessandro Margiotta, Daniele Tisci e Guglielmo Picciuto.

 

Lascia un commento